Per e non hanno la necessità di essere legati

     Per indicare quei dipinti
eseguiti sui muri o su superfici permanenti in muratura, usiamo la parola
spagnola “mural”. I murales si differenziano
dai graffiti perché sono nati come manifestazioni creative contro il potere e
non hanno la necessità di essere legati ad un “lettering”.

     In queste opere di solito vengono trattati temi politici in modo
allegorico.

We Will Write a Custom Essay Specifically
For You For Only $13.90/page!


order now

    ci sono varie tecniche per realizzare un murales, una di
queste è l’affresco, ottenuto dipingendo con pigmenti diluiti in acqua su intonaco fresco.

     Un movimento artistico importante è quello messicano, denominato “muralismo”  che ha origini antiche e che, nonostante il tempo, conserva ancora un valore di tipo
sociale.       Con il
termine “graffiti”, si intendono quei disegni che originariamente erano composti per la maggior parte da scritte e da parole e che, solo in seguito hanno iniziato ad unirsi a disegni di persone e cose.
      Il graffitismo si basa esclusivamente sull’espressione della creatività
personale  grazie a interventi pittorici realizzati su muri,
saracinesche e spazi appositi.       Il graffitismo urbano si sviluppa
nelle strade Newyorkesi sul finire degli anni
Settanta del Novecento , per poi svilupparsi in “street art” nel
decennio successivo, quando alcuni ragazzi (in seguito divenuti migliaia),
decisero di scrivere le
loro tag (nomi d’arte) sui muri delle strade
cittadine.

       Solo successivamente, con l’evoluzione delle tecniche
stilistiche e degli strumenti a disposizione, si è arrivati ad una separazione  fra chi ha continuato a fare “writing”, e chi invece, ha sviluppato un
proprio stile e una propria tecnica per realizzare
opere sempre più complesse.
Alla base dei graffiti sta lo studio delle lettere e alla loro successiva modificazione. Infatti
i “writers” le ingrandiscono o le
rimpiccioliscono a seconda dello spazio che hanno a loro disposizione.
    Uno dei maggiori esponenti
della street art è sicuramente Banksy. Egli realizza le sue opere, che sono spesso a
sfondo politico, satirico,
culturale ed etico e che vogliono
raccontare la povertà della condizione umana, negli spazi urbani . L’artista,
con le sue opere, vuole cercare di sensibilizzare i destinatari su temi
importanti e, a volte, anche atroci, e di trasformare le città europee in luoghi di riflessione. Banksy ,per creare le sue opere, ha dovuto
utilizzare una tecnica che gli permettesse di essere veloce per evitare
l’arrivo della polizia , ed
ha trovato la soluzione
negli stencil.

    Dal momento che gli
usa con grande creatività e frequenza, è diventato
il punto di riferimento di questa tecnica ed è riuscito a farle ottenere una
grande fama.
     Le opere di Haring  hanno uno stile immediato e sono
popolate da personaggi stilizzati e bidimensionali delineati da una spessa linea nera, come bambini, cani, computer, piramidi. I colori che egli utilizza
sono molto vivaci e ricordano quelli delle pubblicità.

     Le sue illustrazioni a prima vista possono
sembrare infantili ma, in realtà, hanno lo
scopo di trasmettere dei messaggi importanti, che l’artista riesce a rendere
semplici e di immediata comprensione. Le sue creazioni si basano su temi che
hanno segnato il secolo scorso, come l’apartheid, l’AIDS, la droga o il
razzismo, ma tuttavia Haring riesce ad affrontare, con la stessa bravura, anche
i sentimenti umani, come l’amore, la felicità e la gioia, perché voleva che la
sua arte fosse per tutti.